Pane Integrale in Cassetta

IMG_2198
Share Button

Se le cose risultano troppo semplici, la maggior parte di noi si aspetta che ci sia qualcosa sotto. Siamo fatte così, aspettiamo più o meno consapevolmente l’elemento di rottura, quel piccolo, insignificante momento in cui tutto diventa difficile.

La buona notizia è che la colpa non è del tutto nostra poiché da sempre, in ogni storia che si rispetti, il momento di felicità dell’eroina coincide con l’imminente catastrofe: ma se ogni volta che siamo vagamente soddisfatte di noi stesse ci mettiamo ad aspettare la crepa e a pensare anche a come poterla riparare, non diventiamo le prime complici del nostro destino beffardo? E se quello stesso destino fosse solo lo specchio della nostra paura di fallire?

Il cervello di noi donne è contorto e, il più delle volte, va per vie sconosciute. Ma alzi la mano chi almeno una volta non si è messa a pensare a tutti modi possibili ed immaginabili in cui quella che poteva sembrare un’apparente calma, avrebbe potuto trasformarsi in un disastro.

Succede sempre lo stesso anche con il pane, quando sta lievitando e si gonfia quasi fino ad esplodere, io inizio ad immaginarmi il momento in cui si affloscerà.

Questa ricetta, però, è una garanzia: il pane si impasta senza nessun problema, lievita, ri-lievita e si cuoce che è un piacere.

Certo, il pensiero positivo aiuta sempre: ripetiamo insieme “il pane non si affloscerà, il pane non si affloscerà, il pane non si affloscerà…”

Ingredienti:

450 g di Farina Integrale

250 g di Acqua

50 g di Olio evo

10 g di Sciroppo d’Acero

25 g di Lievito di Birra

10 g di Sale integrale

Semi misti (lino, sesamo, girasole, zucca)

 

Procedimento:

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida e cominciare ad impastare con la farina setacciata. Aggiungere tutti gli altri ingredienti e lavorare molto bene per almeno 10 minuti (se l’operazione viene fatta a mano senza impastatrice servono almeno 20 minuti). Quando l’impasto risulta liscio ed omogeneo lasciar lievitare per un’ora in un luogo caldo ed asciutto, il forno spento con la sola luce accesa è l’ideale.

Passato il tempo di lievitazione, schiacciare la pasta con le mani fino a formare un disco e ripiegarla su se stessa sia per il senso della lunghezza che per quello della larghezza. Fatta questa operazione tre o quattro volte, formare un pane della stessa forma della teglia che avete a disposizione e lasciar lievitare per almeno un’altra ora.

Accendere il forno a 200° ed infornare per circa 35 minuti. Dopo i primi 10/15 minuti abbassare la temperatura a 180°.

4 responses

Rispondi