A Frigo Aperto

IMG_2645
Share Button

In questo post non si parla di ricette, ma di cibo. Perché il cibo ci racconta più di quanto crediamo. A volte, ad esempio, ci dà anche la spinta per buttarci in imprese mai pensate prima, proprio come questa:

 http://www.grazia.it/Stile-di-vita/tendenze-in-cucina

 

Per capire se stessi, a volte, basta guardarsi dentro.

L’introspezione richiede però una forte convinzione e così, per chi non è abbastanza motivato, esiste un metodo altrettanto efficace e di sicura riuscita.

Per capire se stessi, a volte, basta aprire il frigorifero.

Chi ci parla di noi sono i ripiani intermedi, visto che quasi tutti seguiamo la regola universale secondo la quale frutta e verdura vanno in fondo, mentre barattoli, bottiglie, tubetti e quant’altro vanno nello sportello.

Le pene d’amore ci rendono compulsive: il nostro frigorifero è strapieno di roba comprata a caso che molto probabilmente andrà sprecata perchè in questi tristi momenti di autocommiserazione l’unica cosa che possiamo buttare giù è una birra. Ghiacciata.  Dimenticata rovinosamente nel congelatore.

Dopo i funesti momenti sopracitati, solitamente, arriva l’uomo giusto. A quel punto il nostro frigorifero si riempie di cose stupide e abbastanza insignificanti: fanno il loro ingresso le olive, il salmone, le salsine già pronte da spalmare sui crostini di pane e qualche bottiglia di buon vino bianco. Perché da innamorate non si mangia. Al limite, una volta rimaste sole dopo una giornata in cui abbiamo spudoratamente finto di non avere mai fame, ci si butta sul barattolo della Nutella.

Se la nostra strategia acchiappauomo va a buon fine è il momento di un’altra inevitabile trasformazione. Il frigo da single si trasforma in frigorifero di coppia e ancora in frigorifero di famiglia: arrivano lo yogurt, le uova, le marmellate, il latte, la pancetta a cubetti, le verdure e la frutta di stagione. Se siamo state particolarmente brave e siamo sulla trentina, probabilmente appariranno anche i cibi da puerpera.

Al contario, se anche l’ennesima storia d’amore fallisce, dopo aver buttato via quelle odiose salsine da spalmare e aver usato tutte le olive dentro svariati Martini, arriva la fase della rinascita. A questo punto siamo decise a rimetterci in forma: via i cibi precotti,  la carne, il burro, il formaggio, via l’alcool. Frigorifero ordinatissimo come mai prima.

Il nostro nuovo stile di vita ci impone corse mattutine, palestre pomeridiane e cene salutistiche. D’improvviso, come per magia,  tutto quest’ordine ci contagia.

Ripartire dal frigo, ripartire da noi stesse. Si può.

 

 

Rispondi