Polpettine di cavolfiore e verdure miste

polpette1
Share Button

Andare a cena a casa della mamma è sempre una gioia.

Motivo 1: la mamma è sempre la mamma.

Motivo 2: la mamma è una cuoca fantastica.

Motivo 3: la mamma, oltre ad essere una cuoca fantastica, è una nonna fantastica e ti spupazza il pargolo mentre cucina/ lava/ stira/ spolvera (!!!)…

Per tutte queste ragioni e tante altre che non sto qui ad elencare, quando vai da lei, non devi far altro che buttarti svogliatamente sul divano ed aspettare.

Tutto questo fino a quando non ti viene la strampalata idea di metterti a blaterare consigli su come usare gli avanzi. Perché si sa, gli avanzi sono in tutte le case, specialmente in quelle dove le domeniche piovose di novembre si passano ai fornelli.

Cavolfiore al vapore, verdure miste cotte in forno e una frase vagamente malefica: “Ecco, ricicla”.

 

 

Ingredienti:

Cavolfiore al vapore

Verdure miste cotte in forno

Mandorle tritate

Pane raffermo ammollato nel latte

2 cucchiaini di senape

Sale

10 cucchiai di Pane grattato

 

Procedimento:

Frullare tutti gli ingredienti e formare delle polpettine. L’impasto resta molto morbido, se risultasse troppo morbido, aggiungere più pane grattato.

Cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti.

 

 

Il sommelier consiglia:

Quest’oggi  mi presterò ad un abbinamento alla cieca, visto che non ho assaggiato il piatto a causa di un avversione tremenda al cavolfiore.
Le polpette di verdure ed in particolare quelle preparate con verdure dal sapore deciso e aromatico come il cavolfiore dovranno essere abbinate ad un vino abbastanza profumato, fresco e non molto alcolico. Per la presenza di senape, pane e uova possiamo abbinare a questo piatto sia un vino bianco fruttato che un vino rosato.

Oggi vi voglio proporre un rosato per due ragioni: la prima perché secondo me è il miglior compagno di questo piatto, la secondo perché si comincia a dire che io amo troppo i vini bianchi.

La bottiglia scelta è un Lagrein Rosè, vino del Sud Tirol prodotto da Hofstatter, vendemmia 2012. L’uvaggio è Lagrein 100%, vitigno autoctono dell’Alto Adige, trova ottime condizioni di attecchimento sulle ripide colline di Tramin-Termeno.

E’ un Rosato con personalità, dotato della freschezza, della fragranza e dei profumi di un vino bianco ma arricchito dal carattere, dalla polpa fruttata e dalla morbidezza di un vino rosso.

Un vino perfetto soprattutto per coloro che hanno calcato un po’ la mano (in positivo) sulle dosi della ricetta.

Rispondi